Author Archives: staff stop ttip milano

CETA: la Corte UE promuove il tribunale delle multinazionali

ICS_ECJ

Secondo la Corte europea di giustizia il meccanismo ISDS/ICS è compatibile con le regole dell’Europa. Per noi rimane inaccettabile. La Campagna Stop TTIP/CETA chiede al Parlamento italiano di rispettare gli impegni: “Bocciate il CETA al più presto per riaprire in Europa un dibattito sul commercio senza regole”.

Leggi il resto di questa voce

Abbiamo vinto: abbiamo respinto un’altra volta la direttiva Bolkestein — Stop TTIP Italia

Associazioni, movimenti sociali, sindacati, consiglieri comunali, Comuni, e campagne come, in Italia, la Campagna Stop TTIP/CETA, portano a casa oggi un’importante vittoria: la Commissione europea ha dovuto abbandonare l’ennesima… 452 altre parole

via Abbiamo vinto: abbiamo respinto un’altra volta la direttiva Bolkestein — Stop TTIP Italia

Al Fuori Salone 2019 – La Ruota della Sfiga – Stop ISDS

Insieme con il Cantiere in occasione del fuori salone davanti l’Università Statale di Milano il 9 e 10 Aprile abbiamo portato la ruota della sfiga e presentato la campagna “diritti per le persone, regole per le multinazionali: Stop ISDS

Maggiori informazioni sulla campagna “diritti per le persone, regole per le multinazionali: Stop ISDS” nel post dedicato all’evento di lancio del 3 Marzo 2019.

Il nuovo TTIP parte con l’ok dell’Italia — Stop TTIP Italia

Ieri, 15 aprile, tutti i governi dell’Unione – eccetto la Francia, contraria, e il Belgio, astenuto – hanno dato il via libera ai mandati chiesti dalla Commissione europea per negoziare un nuovo accordo transatlantico di liberalizzazione del commercio con gli Stati Uniti.

Una nuova versione del TTIP, anche se a Bruxelles ci tengono a non usare acronimi diventati “piuttosto tossici”, come ha avuto a dire la Commissaria al commercio Cecilia Malmstrom. La quale ha però dichiarato che sarà fatto “tutto il possibile” per raggiungere un accordo con gli Stati Uniti entro il primo novembre 2019, prima della “scadenza” della Commissione Junker.

L’Europa si trova così a negoziare “con la pistola alla tempia”, cioè sotto il ricatto dei dazi che Trump ha utilizzato negli ultimi mesi per piegare le resistenze nei confronti di un accordo pericoloso per i nostri diritti e l’ambiente. Gli Stati Uniti, infatti, non hanno mai nascosto di voler mettere sul tavolo delle trattative settori come la chimica e l’agricoltura: le imprese multinazionali e i loro rappresentanti al Congresso, infatti, chiedono da sempre regole meno stringenti e più economiche per penetrare nel mercato europeo all’insaputa dei consumatori e dei cittadini. Bruxelles dal canto suo ha negato recisamente che questo accordo metterà a repentaglio la sicurezza alimentare o la salute umana. Ma chiaramente sulla Commissione europea pesano gli stessi, trasversali e transnazionali interessi industriali. Infatti…

via Il nuovo TTIP parte con l’ok dell’Italia — Stop TTIP Italia

Video 3 Marzo: Le nostre vite valgono più dei loro profitti!!

Ecco i video dell’evento che abbiamo organizzato il 3 marzo , insieme al Comitato Berta Vive Milano, e con la partecipazione del Comitato Acqua Pubblica e del Collettivo Donne Latinoamericane Marielle Franco,

Per la campagna “diritti per le persone, regole per le multinazionali: Stop ISDS”, promossa da centinaia di organizzazioni e movimenti in 16 paesi europei, ha raccolto più di 500.000 firme in meno di un mese

Sopra oltre la Ruota della Sfiga, al suo secondo tour dopo quello del 29 Settembre 2018 alla Rimaflow , c’è anche la performance di Sergio dedicata a Berta Cáceres.

Presentazione il 3 Marzo a Milano della Campagna “diritti per le persone, regole per le multinazionali: Stop ISDS”

3 Marzo: Le nostre vite valgono di più dei loro profitti

3 Marzo: Le nostre vite valgono più dei loro profitti!!

La campagna “diritti per le persone, regole per le multinazionali: Stop ISDS”, promossa da centinaia di organizzazioni e movimenti in 16 paesi europei, ha raccolto più di 500.000 firme in meno di un mese.

La petizione chiede ai paesi UE di stralciare dai trattati di libero scambio le clausole arbitrali, che consentono alle imprese di fare causa agli stati di fare causa agli Stati che, con i loro provvedimenti legislativi e amministrativi, possono “erodere” i loro profitti, e di aderire al percorso per la firma di un trattato vincolante sulle multinazionali e i diritti umani. Le migliaia di firme che stanno arrivando da tutta Europa sono un bellissimo segnale, ma non bastano.

Per un reale cambio di rotta nelle politiche commerciali a livello internazionale serve l’impegno di tutte e tutti. Per fare un primo passo in questa direzione abbiamo scelto la giornata del 3 marzo, anniversario dell’assassinio di Berta Cacares, attivista uccisa in Honduras per la sua opposizione allo strapotere delle multinazionali.

Una giornata in cui invitiamo tutte le realtà attive sui temi del rispetto dei diritti umani e della tutela dei beni comuni a dare il loro contributo dare il loro contributo per avviare un percorso e una battaglia ispirati ai principi di giustizia e solidarietà.

3 Marzo Milano - Le nostre vite valgono di più dei loro profitti

3 Marzo Milano – Le nostre vite valgono di più dei loro profitti

La campagna Stop Ttip Milano insieme al Comitato Berta Vive Milano, e con la partecipazione del Comitato Acqua Pubblica e del Collettivo Donne Latinoamericane Marielle Franco vi invita alla giornata di lancio della campagna “Diritti per le persone, regole per le multinazionali: Stop ISDS”, promossa da centinaia di organizzazioni e movimenti in 16 paesi europei, ha raccolto più di 500.000 firme in meno di un mese.

  • Ci troviamo alle 12 per allestire lo spazio e pranzare insieme.
  • Si inizia alle 14.30 con la “Ruota della sfiga” che promuove la cittadinanza delle multinazionali con nuovi non-diritti;
  • e poi la presentazione della campagna e gli interventi delle realtà invitate.

Domenica 3 marzo 2019
Cam Ponte delle Gabelle
Via San Marco 42
dalle h 14.30

Si prega di prenotare per il pranzo alla mail [email protected]
entro sabato 2 marzo

Trivelle e arbitrati, l’Italia non paga più se la causa coinvolge paesi UE — Stop TTIP Italia

In questi giorni vediamo le compagnie dell’oil&gas minacciare arbitrati internazionali contro l’Italia per l’emendamento al Dl Semplificazioni che sospenderebbe per 18 mesi le ricerche. Il caso Rockhopper, tramite cui l’impresa britannica chiede 350 milioni di dollari di risarcimento in opache sedi arbitrali al nostro paese per averle vietato di trivellare entro le 12 miglia dalle…

via Trivelle e arbitrati, l’Italia non paga più se la causa coinvolge paesi UE — Stop TTIP Italia

Diritti per le persone, regole per le multinazionali: al via la Campagna europea — Stop TTIP Italia

Al via, in sedici Paesi europei, la campagna internazionale “Stop ISDS – Diritti per le persone, regole per le multinazionali” che chiede lo stralcio delle clausole arbitrali da tutti gli accordi commerciali e di investimento in vigore e in fase di trattativa e invita gli Stati membri ad approvare un trattato vincolante delle Nazioni Unite…

via Diritti per le persone, regole per le multinazionali: al via la Campagna europea — Stop TTIP Italia

No Jefta: protestiamo l’11 e 12 dicembre contro il voto in Parlamento europeo — Stop TTIP Italia

No all’approvazione del Jefta a Strasburgo Martedì 11 e mercoledì 12 dicembre il Parlamento europeo discuterà e voterà il Jefta: il trattato di liberalizzazione commerciale tra l’Europa e il Giappone cui l’Italia ha dato qualche mese fa un frettoloso ok. Come Campagna Stop TTIP Italia abbiamo sviluppato una specifica interfaccia con la quale, con un…

via No Jefta: protestiamo l’11 e 12 dicembre contro il voto in Parlamento europeo — Stop TTIP Italia

#StopCETAsubito: mobilitiamoci per bocciare il CETA prima delle Elezioni europee — Stop TTIP Italia

Nonostante le promesse, gli impegni elettorali, il Contratto di governo e le dichiarazioni pubbliche, dobbiamo constatare che il governo sta prendendo tempo invece di bocciare il CETA.

via #StopCETAsubito: mobilitiamoci per bocciare il CETA prima delle Elezioni europee — Stop TTIP Italia